I miei inizi.

Ho iniziato a occuparmi di informatica all’incirca all’età di 13 anni. Il linguaggio era il Basic, gli schermi neri ai fosfori verdi. Per un’associazione di un amico di famiglia, dovevo aiutarli ad usare un nuovo elaboratore elettronico (non si chiamavano ancora PC…ed in effetti non lo erano, tanto erano grandi e costosi…) che nessuno di loro, adulti di mezza età, sapeva utilizzare. Poi durante gli anni dell’adolescenza non sono stato un grande fan della tecnologia digitale. Mi sono riavvicinato prepotentemente, nella seconda metà degli anni ’90, ormai ventenne, con l’avvento di Internet, o meglio del World Wide Web (www).

L’avvento del World Wide Web, la Rete.

Il World Wide Web, la più grande e folgorante scoperta, cui abbia potuto assistere in vita mia: il mondo in un PC, a portata di un click. Malgrado le connessioni via modem a 56 kb/s che solo per connetterti alla rete impiegavano qualche minuto ed emettevano suoni improbabili, eravamo, o almeno io lo ero, entusiasta al massimo per questa incredibile forma di comunicazione. Poi nel ’99 aprii la mia ditta di informatica ed iniziò l’avventura professionale durata circa 15 anni. Da allora non ho mai smesso di comprare e vendere sul web. Non sono, purtroppo, uno di quei fortunati e talentuosi geni che si sono arricchiti con la Rete, ma ho sperimentato innumerevoli forme e canali di compravendita.

Vendere online.

Ci sono moltissimi canali, ovviamente, da utilizzare per vendere online. Generalmente ci si orienta verso marketplaces specifici del settore, oppure verso grandi portali generalisti, come Ebay per esempio, dove si può trovare di tutto diviso in categorie. Ce ne sono per ogni esigenza, dell’usato e del nuovo, di condivisione o di regalo e di scambio/permuta. Difficilmente riuscirete a scovare qualcosa che non esista già sul web (ma se lo fate avete un potenziale tesoro…) Questo se siete privati cittadini e non professionisti. Se avete un’attività o volete vendere in maniera professionale, potreste considerare di avere un sito di e-commerce (commercio elettronico) tutto vostro. Ovviamente diversi sono i costi e l’impegno.

I portali di compravendita.

Generalmente troverete portali dove l’inserimento e la vendita sono completamente gratuiti, ma quelli più famosi e più grandi (e che quindi garantiscono maggiore visibilità e possibilità di vendita) avranno sempre un costo: o per l’inserimento dell’annuncio, o come commissione sulla vendita o entrambi. Talvolta potreste trovare tutto gratuito, ma alcuni servizi opzionali (talvolta quasi indispensabili per aumentare le vendita) a pagamento. Altri scelgono la gratuità completa puntando su un alto numero di registrazioni e quindi sulla pubblicità.

Presentare il prodotto.

Poi dovrete presentare il vostro catalogo di prodotti o servizi, o il vostro oggetto/servizio se parliamo di una sola vendita. Un’accurata descrizione, un titolo accattivante, delle foto curate ed esaustive. Cercate di non risparmiarvi sulle caratteristiche dell’oggetto, questo vi risparmierà ulteriori domande, tempo ed eventuali contestazioni dopo. Non dimenticate di inserire il modo in cui volete essere contattati, se via mail o telefono, ma soprattutto le modalità per il pagamento.

Le modalità di pagamento

Generalmente le forme di pagamento più diffuse e più semplici da gestire sono una carta di debito (es.Postepay), un bonifico su conto corrente, o Paypal. Ve ne sono poi di altri, ma già questi soddisfano la stragrande maggioranza dei clienti. Per aprire un conto Paypal non è indispensabile avere già un conto corrente o una carta (di credito o di debito), ma lo diventa nel momento in cui volete ritirare i vostri incassi. Se usate il conto per ricevere denaro che poi utilizzate solo per acquisti online, non avrete bisogno di possedere altro. Paypal è la forma più utilizzata di pagamento virtuale.

La spedizione o il ritiro a mano.

L’ultima cosa da tenere in considerazione è la possibilità di spedire o consegnare a mano la vostra vendita. Nel primo caso, specificatelo nella descrizione, ed indicate quali sono le zone di spedizione (Italia, Europa, America, Asia ecc.) ed i relativi costi. Potete utilizzare siti di spedizione che verranno a ritirare il vostro pacco al vostro domicilio e lo consegneranno a destinazione in pochi giorni. Dovrete registrarvi su uno di questi siti e simulare una spedizione inserendo vari dati, tra cui origine e destinazione, peso e misure del pacco, contenuto e poco altro. Il sistema vi indicherà il costo della spedizione, ed una volta accettato, vi fornirà la lettera di vettura da stampare ed apporre sul vostro pacco. L’acquirente, con queste informazioni, potrà seguire la spedizione online, verificando l’avvenuta spedizione e rimanendo informato sull’arrivo stimato.

Fatto tutto ciò siete pronti per la vostra prima vendita online e buona fortuna!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.